IL CAPPELLO

La lavorazione dei cappelli in Paimar viene effettuata tenendo conto delle innovazioni tecnologiche senza rinunziare alla minuzia ed alla precisione pretese dalla tradizione del territorio nel quale l’azienda ha le sue radici.

La produzione di cappelli in lana e feltro, infatti, è realizzata secondo tecniche e modalità che si sono consolidate e tramandate nei costumi e nelle consuetudini a livello locale e che rappresentano oggi un patrimonio incontrastato dell’artigianalità made in Italy.
La tecnica di lavorazione manuale è caratterizzata dalla realizzazione di modelli costruiti interamente su misura, in base a quelli che sono i desideri dei clienti. Alcuni domandano cappelli artigianali ricalcati da modelli precedenti, altri, invece, preferiscono dare sfogo alla propria creatività, portando bozze che verranno trasformate in comodi cappelli in lana, feltro o altri materiali di pregevole fattura.
Si realizzano, inoltre, manualmente alcuni tipi di tagliatura e cucitura dei materiali utilizzati, la guarnitura dei prodotti e le fasi successive della stiratura e dell’imballaggio, secondo quanto esatto dalla tradizione, una tradizione, quella marchigiana, da sempre incentrata sulla qualità della manodopera e nella ricercatezza dei migliori tessuti.
L’attività si è sempre contraddistinta nella fabbricazione di alta qualità, di berretti, cappelli, e capi di accessori moda in ogni tipo di tessuto e affini.

Una peculiarità di Paimar è la grande attenzione alla produzione di cappelli artigianali per bambini, settore verso il quale la produzione è maggiormente indirizzata, senza dimenticare le esigenze dei più grandi, un prodotto, quello offerto da PAIMAR, per tutti e per ogni evenienza.
Le collezioni, per tutte le stagioni, sono ancora oggi prodotte utilizzando le antiche tecniche di lavorazione basate sull’utilizzo di manodopera altamente specializzata che si tramanda da generazioni in generazioni, di padre in figlio, secondo le usanze del territorio.
PAIMAR non è solo produzione di cappelli, ma si sente parte d’un territorio con il quale mira a crescere insieme.
Per questo l’obiettivo dell’azienda marchigiana è quello di tutelare e salvaguardare una tradizione artigiana con un’importante valenza culturale e storica che costituisce il patrimonio più grande. Non a caso l’azienda si sente parte d’un territorio che le ha permesso, grazie alle tradizioni tramandate, di essere sulla testa di chi abita ad Hong Kong come a Montappone. Un patrimonio che nonostante le difficoltà incontrate nel corso della sua evoluzione è stato conservato, trasmesso e valorizzato con volontà e valenza dagli operatori del settore di generazione in generazione fino ad oggi, valenza della quale PAIMAR si sente testimone e che sente il dovere di tramandare alle generazioni future, valorizzando sé stessa ed il proprio territorio.

I cappellai, avvalendosi delle più ampie libertà creative e tecnologiche, operano per elevare continuamente la qualità della loro produzione, agendo in stretta collaborazione fra loro e rivolgendosi, dove necessario, agli istituti competenti e ad ogni altra struttura ritenuta idonea al raggiungimento al perseguimento della più alta qualità.

Le materie prime e le fasi produttive variano a seconda del tipo di cappello prodotto.
I materiali utilizzati per le creazioni sono tutti i tipi di tessuto, filati, paglia, feltro, maglia, pelle ed affini, selezionati tenendo bene a mente l’imprescindibilità della qualità.

I MATERIALI


I CAPPELLI